Caldo matrimonio

caldo, bacio, sposi

Con questo non voglio spaventarvi ma vi racconterò cos’è successo al mio matrimonio in cui contrariamente al cattivo tempo, fu una delle giornate più calde dell’estate 2015.

Il wedding plan iniziò un anno prima e curai personalmente ogni dettaglio nel modo migliore sognando un giorno memorabile.

Ad un paio di giorni dalla fatidica data, quando pensavo di aver sistemato ogni aspetto, fu tutto un susseguirsi di imprevisti che mi misero parecchio alla prova.

Per cominciare,  mio suocero fu ricoverato e costretto immobile a letto col rischio di non poter presenziare alle nozze e contemporaneamente alla mia nipotina,  che aveva il compito di portare le fedi all’altare,  venne un febbrone 40!


E se l’auto d’epoca che sognate e che diligentemente avevate prenotato un anno prima non fosse più disponibile perché lo sposo che l’ha noleggiata la settimana prima l’ha pure danneggiata per quattordici mila euro, ci credereste?

Bhe, è successo anche questo e non solo…

Finalmente arriva il giorno prima e rassicurata dal miglioramento di suocero e nipote e rimpiazzata l’auto con un’altra più prestigiosa (per gentile concessione del noleggiatore…) vado al mio appuntamento col parrucchiere ma prendo una multa per aver pagato la sosta al parcheggio troppo poco rispetto all’effettivo tempo di permanenza.

Quindi con risatina isterica ripongo il regalino del Comune nella mia “Secret Pon Pon” diretta alla location perché come da accordi volevo sincerarmi che gli allestimenti fossero perfetti.

Purtroppo le tovaglie erano appena arrivate e se non fosse abbastanza chiaro, trattasi della sera prima delle nozze e dovevano ancora essere cucite!
 Decisi ancora una volta di mantenere i nervi saldi anche perché a casa mi aspettavano parenti e amici per fare festa.

Fu una serata bellissima attorno al calore di tutti e alla sorprendente serenata di mio marito finché arrivò il mattino.

Alle sei c’era già un caldo soffocante quindi non è vera la diceria che le spose per colpa della tensione non sentono il caldo o il freddo. 
La cerimonia fu emozionante e ormai iniziò a sciogliersi tutta la tensione accumulata nei giorni fino a che giungemmo alla location…

Entrati nella sala,  dopo applausi e brindisi col sottofondo di “Purple rain”, io e il mio sposo realizzammo che la temperatura era insopportabile.


Il condizionatore era guasto!!! Così tutti i miei menù preparari con tanto amore furono molto più utili come ventagli.

I tovaglioli dovevano essere fermati da nastrino colorato richiuso a fiocchetto e invece si presentava con un semplice nodo.
L’idea di bere per rinfrescarsi pura utopia! Anche l’acqua era calda e ancora oggi non so se per disorganizzazione o per altro guasto ai frigo.
Inutile anche ordinare del ghiaccio; questo arrivava dopo almeno quindici minuti, già mezzo sciolto, senza un cucchiaino o una pinzetta con cui servirsene e dentro alla stessa ciotolina che fuori in giardino fungeva da posacenere!
Vengo poi a sapere che in uno dei contenitori da cocktails serviti all’aperitivo galleggiavano allegramente delle formiche.
Per quanto riguarda il menù, porzioni neppure lontanamente simili a quelle delle prove; per esempio quelle che dovevano essere caramelle al burro e salvia erano in realtà ravioli e due, dico due, per piatto! Mai chiesta la “Nouvelle Cuisine”!
Porzioni talmente ridotte che a due tavoli non fu servito l’arrosto!
Altra nota dolente, la torta! Arrivò con un’ora e mezza di ritardo quando gli invitati si erano ormai più che dimezzati ma devo ammettere che come wedding cake era davvero spettacolare e buonissima ma questo di certo non bastò a dimenticare tutto il resto.
L’elenco non finisce qui: la fontana di cioccolata che serviva ad addolcire la frutta era salata e disgustosa a detta di tutti.
La toilette era un lago e a nulla servì il tentativo di chiamare una ragazza del personale per sistemare la situazione.
Il mio guest Book fu dimenticato chissà dove e mai più ritrovato.

Per colpa del caldo dimenticai pure di lanciare il bouquet.

Non auguro a nessuna tutte le mie disavventure ma credo che la mia esperienza sia un valido monito di quello che potrebbe succedere imprevedibilmente a chiunque e ci vuole tutta la pazienza e il controllo di cui siete capaci e soprattutto avere la fortuna di sposare un  uomo capace di sdrammatizzare sempre.

Facebook Comments
Donna Giovanna

Donna Giovanna

"Eccomi, sono Giovanna,una wedding victim, appassionata, curiosa, di incontenibile creatività e pronta ad affrontare ogni aspetto del matrimonio. "
Donna Giovanna

Latest posts by Donna Giovanna (see all)

0 Comments

Leave a reply

CONTATTACI

Non siamo presenti al momento, scrivici, ti risponderemo il prima possibile !

Sending

©2018

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account

testi per hyperting