La storia delle fedi e del bouquet di matrimonio

La storia delle fedi e del bouquet di matrimonio

Il matrimonio si dice che sia il giorno più bello di una donna.

Tra abito bianco, chiesa, bomboniera, invitati ed emozione ci si trova davanti a una delle scelte più importanti della vita di un essere umano. Condividere e trascorrere il resto della propria vita – si spera più a lungo possibile – insieme alla persona che si ama da qualche mese o da tanti anni è un regalo prezioso e unico.

Due sono gli oggetti che si ricordano legati a questa cerimonia, sacramento se si è credenti, non di poco conto: le fedi e il bouquet.

Entrambi ornamenti propiziatori del rito nuziale trovano origine nell’antico Egitto.

Le Fedi

Le prime, le fedi, si inseriscono all’interno dell’anulare sinistro perché in esso è presente la vena che arriva fino al cuore quindi ai sentimenti sintomo di fedeltà coniugale. Nella Roma dei fasti e degli imperatori gli sposi si scambiavano anelli in ferro mentre nell’età del mezzo (il medioevo) si infilavano tre anelli alla sposa per rafforzare e rendere ufficiale il momento. Nel corso dei secoli la fede è diventato forse il vero simbolo del matrimonio in quanto sinonimo di fedeltà eterna tra i due coniugi.

Il Bouquet

Un altro protagonista tanto amato dalle spose rientra nei mores matrimoniali: il bouquet. Ultimo step del ciclo del fidanzamento, il mazzo di fiori bianco – come i fiori di arancio – ricco di rose rappresentanti la fertilità e la castità è un accessorio indiscusso di ogni donna che si accinge al matrimonio.

Il valore dei fiori cambia di paese in paese: nel nord dell’Europa si usa il fiore del mirto in ricordo della tradizione greca che vedeva Afrodite rappresentante della bellezza e dell’amore, in Medioriente è in uso il tulipano simbolo della perfezione, in Provenza (a sud della Francia) si ama confezionare un bouquet con fiori di campo.
Negli ultimi anni il bouquet è stato soppiantato da mazzi di carta che riecheggiano i fiori veri di stagione.

Facebook Comments

Maria Carola Leone

"Maria Carola, anima in continua evoluzione. Amo la cultura e le tradizioni, i profumi e i sapori del matrimonio. Curiosa e dinamica con un forte senso eclettico".

0 Comments

Leave a reply

CONTATTACI

Non siamo presenti al momento, scrivici, ti risponderemo il prima possibile !

Sending

©2018

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account

testi per hyperting